Aggiornamento sull’ impegno del Col. Carlo Calcagni

http://www.abilitychannel.tv/un-eroe-tra-gli-eroi-il-colonnello-calcagni-al-monte-grappa-bike-day/?cn-reloaded=1#

60 chilometri di percorso. 1850 metri di dislivello. 10.000 partecipanti. Questi in sintesi i numeri del Monte Grappa Bike Day, manifestazione ciclistica giunta alla sua quinta edizione ed in occasione della quale viene deposta una corona presso il Sacrario monumentale militare per commemorare gli oltre 20.000 soldati caduti nella terribile battaglia che si svolse verso la fine della prima guerra mondiale.

l’esercito italiano, al comando del generale Cadorna, aveva ripiegato sul Monte Grappa costituendo l’ultima linea difensiva in grado di sbarrare la strada verso la pianura Padana all’esercito austriaco.

Iniziò la battaglia del Solstizio che vide la sua prima conclusione nel giugno del 1918 quando le truppe nemiche furono definitivamente respinte. Dopo un breve periodo di relativa calma in ottobre l’esercito italiano, nell’ambito delle operazioni della battaglia di Vittorio Veneto condusse una vittoriosa controffensiva che costrinse gli austriaci alla ritirata.

E’ toccato ad un eroe dei nostri tempi, al colonnello del ruolo d’onore dell’esercito, Carlo Calcagni, testimonial ufficiale di questa straordinaria manifestazione, rendere onore agli eroi italiani ed austriaci che si combatterono con grande ardore e immenso coraggio tra queste suggestive montagne poste tra il canale del Brenta e la valle del Piave.

Il post originario:

Inserisco tra le riflessioni generali sul momento politico che stiamo attraversando una nota personale.

Ieri sera, dopo i bizanitinismi dei nostri politici, mi sono rimontato il morale grazie a lui: il colonnello Carlo Calcagni, ospite di Bruno Vespa .
Calcagni: un uomo ancora giovane ma radicato in un profondo senso di servitore dello Stato. Uno che non sì è mai arreso anche di fronte al progredire di una terribile malattia contratta al fronte .

http://incodaalgruppo.gazzetta.it/2018/05/02/carlo-calcagni-stasera-ospite-di-bruno-vespa-a-porta-a-porta/?refresh_ce-cp

La storia del Col Cakcagni mi ha emozionato: come figlio di un generale del nostro esercito che dai politici si è visto sfilare, dalla notte alla mattina, il passaggio al podio più alto mi sono commosso ripensando alla forza di mio padre e mi è cresciuta ancor di più la rabbia dentro verso chi, ieri come oggi, vede nella propria posizione non un servizio allo Stato ma solo uno sgabello per pugnalare anche i più vicini alle spalle e fare i propri interessi emergendo sugli altri.
Ispiriamoci ai giganti. Enrico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...